Whodunnit

Qualcuno tra i miei lettori, di certo non “amici”, perché queste sono serpi, ha pensato bene di inchiodarmi a un blog che non conosco, in una piattaforma fluttuante alla deriva, gestita da nessuno, con in ordine di apparizione:

1) mia foto fregata

2) un mio e-book rigorosamente versione pirata, scaricabile gratis con virus annessi e una data finta – NON bastavano le versioni che avevo già messo nel mio blog

3) visto che mi piace Re Lear, per non farmi mancare nulla, che poi è anche il titolo greco di Tipota, il mio e-book sul gioco dello Stud Poker – questa è una raffinatezza che pochi colgono – una versione anche questa digitale pacco, il mio e-book è un pacco, e allora si gioca sulle metafore

4) la cozzaglia è stata postata con amore il giorno di San Valentino da un certo “Phillipe writing about”, un nome bidone, però evidentemente si è letto la mia pagina su pinterest, “out and about”, che ricorda alla lontana Philip Larkin che ho tradotto nel blog, amo l’estate e sono nata d’estate, perché farmi mancare questa finezza? E anche il riferimento a Spock nel link del blog, Live long and prosper

5) è chiaro che qui siamo di fronte a un caso borderline

L’attenzione ai dettagli mi fa sospettare di qualcuno che inquina il mio blog ormai da 2 anni con avatar ridicoli e link a blog farlocchi, evidentemente ha molto tempo da perdere, un gesto del genere è di una tale bassezza umana, che non ha bisogno di ulteriori commenti. Peggio per lei/lui/loro.

Chi mi vuole leggere, mi trova o qui, o su Smashwords.

Nella mia nullità continuo a scrivere recensioni per altri, e apprezzare chi scrive bene, è un mondo già abbastanza difficile, e ho altro di cui occuparmi.

Non ho bisogno di nascondermi da nessuno e quindi mi ritengo libera di frequentare chi mi pare, passo e chiudo.

P.S. DOPO L’ARTICOLO hanno cambiato il nome al blog e si chiama everald blog, chi si giustifica si auto-accusa, così sono risalita a chi ha fatto cosa…e le sorprese non finiscono qui!

 

 

Annunci

9 pensieri su “Whodunnit

    • Una cattiveria rara, sì, sono d’accordo, una reazione spropositata che avrà delle conseguenze, e poi che soddisfazione c’è? Evidentemente essere liberi dà fastidio, non doversi giustificare con nessuno, fare quello che si ama con passione senza chiedere niente a nessuno, se poi non si vale nulla, non capisco l’acrimonia.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...