LAS ALFOMBRAS VOLADORAS DE CLAUDIA BONOLLO Y WANDA ROMANO PARA MONAMOUR NATURAL DESIGN EN ESTAMPA 2016

Qui si vola alto anzi altissimo! Complimenti a Claudia Bonollo, Wanda Romano, Denis Broduries e naturalmente Monamour Natural Design che saranno presenti anche quest’anno a Estampa 2016, Madrid, dal 22 al 25 Settembre 2016.

CLAUDIA BONOLLO

alfombra-voladora_02La Alfombra Voladora: Claudia Bonollo/Wanda Romano/Denis Brodurès – Monamour Natural Design Edition 2016 – Impresión sobre red metálica: Clorofila Digital – foto: PhotoAlquimia 

Con ocasión de nuestra V participación en Estampa, Monamour Natural DesignGalleryles propone un viaje mágico a través de texturas orgánicas y jardines de ensueño donde destaca la pieza estrella de su nueva colección: una serie única de alfombras voladoras, fruto de una intensa colaboración de Denis Broduriès (que produce y edita las piezas) con dos artistas italianas: Claudia Bonollo y Wanda Romano.

La “Alfombra Voladora” es un tema muy popular en literatura pero también la metáfora onirica por excelencia que nos ayuda a desarrollar nuestra percepción del devenir.

El sujeto se asocia inmediatamente a “Las Mil y unas noches”, sin embargo pertenece más bien a versiones tardías de “Aladin y la lampara mágica” y está muy presente en el folklor ruso (“Las Aventuras…

View original post 297 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 pensieri su “LAS ALFOMBRAS VOLADORAS DE CLAUDIA BONOLLO Y WANDA ROMANO PARA MONAMOUR NATURAL DESIGN EN ESTAMPA 2016

  1. Traduco un po’ a braccio per te Marta:

    “Il tema del “tappeto volante” è molto popolare nella letteratura ma è anche una metafora onirica fondamentale che ci permette di svelare la nostra percezione in divenire. Il soggetto si ricollega subito a Le Mille e Una Notte, in particolare alle versioni successive di Aladino e la lampada magica e fa parte anche del Folklore russo (le avventure di Babà Yaga). Non è solo un mezzo di trasporto magico e immediato per trasportarci in luoghi lontani, che incarna il nostro desiderio più profondo di volare, descritto in molti mitologie, dove l’archetipo delle macchine volanti si reinventa e cambia in ogni epoca. Nei tappeti volanti si ritrovano temi diversi: la preghiera e l’elevazione, il volo verticale o l’ascensione, il canto armonico che accompagna il lavoro meticoloso al telaio inclusa la decorazione del disegno che rappresenta una soglia, una porta o un giardino sontuoso.

    Nella nostra versione il tappeto volante ha una dimensione tridimensionale in cui fioriscono nuove specie botaniche ibride, in cui confluiscono la silenziosa e dimenticata maestria artigianale femminile frutto di una tradizione orale che persiste in alcune zone del Sud Italia, la capacità di riprodurre tipologie botaniche iniziata da artisti come Leopold e Rudolf Blashka, l’impiego magistrale del vetro di Murano sostituito nel nostro caso con una rivisitazione ecologica che ricicla il PET e lo trasforma in fiori trasparenti con forme sensualissime attraverso la tecnica molto elaborata di Wanda Romano.”

    Mi piace

      • Ah, ecco
        Vedi a non conoscere le lingue? Si é menomati…
        Domani copio e incollo su Google, non che sia il massimo ma di certo per me é di gran aiuto

        Penso che sia di gran stimolo lavorare in tandem, ognuno porta il proprio bagaglio e questo si moltiplica a vista d’occhio…e vengono fuori dei lavori bellissimi e interessanti; la condivisione per eccellenza

        Così l’immagino un incontro tra artisti

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...